Si chiama WOW la nuova scoperta italiana che elimina la radioattività dall'acqua

Pubblicato il da radiant catalyst

Riduce di 7.500 volte la concentrazione di cesio radioattivo partendo da un livello simile a quello di Fukushima.

A guardarla così, sembra una lavastoviglie in terapia intensiva. Dentro, invece, contiene una tecnologia che può aprire una speranza concreta per la decontaminazione delle acque radioattive. I test del Lena (Laboratorio energia nucleare applicata) della facoltà di chimica di Pavia, hanno certificato che l'apparecchiatura - prodotta da un ingegnere padovano - garantisce risultati straordinari, tanto da strappare più di un wow ai tecnici specializzati.

WOW - L'esclamazione si è fatta brand: in laboratorio, Wow ha ridotto di 7.500 volte la concentrazione di cesio radioattivo nell'acqua, partendo da livelli di contaminazione simili a quelli presenti nelle piscine di raffreddamento del reattore di Fukushima. Ha ridotto anche i volumi delle acque da stoccare: la radioattività presente in 5 mila metri cubi può essere concentrata in un litro.

FUKUSHIMA - Per comprendere le potenzialità economiche di Wow basta confrontare un'altro dato: con i metodi utilizzati oggi in Giappone, considerati i più efficienti, vengono depurati 25 mila metri cubi d'acqua al mese e si producono 5 mila metri cubi di fanghi radioattivi. Tutti da stoccare e monitorare in enormi serbatoi.

BREVETTO MONDIALE - Non solo, l'invenzione italiana permette di salvaguardare la macchina da ogni contaminazione - può ripartire dopo un semplice lavaggio - e non produce nuove scorie. Il metodo? Bocche cucite da parte dell'inventore, Adriano Marin: «Un processo termo-dinamico di evaporazione», si limita a dire. «Il resto è top-secret, coperto da un brevetto mondiale».

UN AFFARE - Lo scenario del business è invece molto chiaro a un gruppo di investitori - in gran parte del Nord-est - che hanno sostenuto il progetto e confidano nell'apertura di un mercato mondiale. L'ultimo scoglio che dovrà superare Wow è una prova d'urto: trattare le acque contenute nelle vasche di stoccaggio di materiale radioattivo di Saluggia (in provincia di Vercelli). «Puntiamo a mantenere Wow in Italia, a creare una filiera e tanti posti di lavoro specializzati», conferma Marin. Sono già arrivate offerte interessanti dall'estero? «No comment».
PER ULTERIORI INFO:
http://www.wowwater.eu
http://www.unipv-lena.it/

FONTE

Commenta il post